10 marzo 2020 THE RIDER - METTI UNA SERA AL CINEMA - CGS DON BOSCO VERBANIA Cinecircolo Giovanile Socioculturale

Vai ai contenuti

10 marzo 2020 THE RIDER

METTI UNA SERA AL CINEMA 31
THE RIDER
10 marzo 2020
The Rider - Il sogno di un cowboy
( The Rider )
Regista: Chloé Zhao
Genere: Drammatico, Western
Anno: 2018
Paese: USA
Durata: 103 min
Data di uscita: 29 agosto 2019
Distribuzione: Wanted Cinema
The Rider - Il sogno di un cowboy è un film di genere drammatico, western del 2018, diretto da Chloé Zhao, con Brady Jandreau e Tim Jandreau. Uscita al cinema il 29 agosto 2019. Durata 103 minuti. Distribuito da Wanted Cinema.
TRAMA THE RIDER - IL SOGNO DI UN COWBOY:
The Rider, il film diretto da Chloé Zhao, segue la storia di un giovane cowboy, Brady Blackburn (Brady Jandreau), che ha imparato tutto ciò che sa sui cavalli dai suoi genitori, Wayne (Tim Jandreau) e l'ormai defunta Mari, e iniziando a cavalcare sin dalla tenera età. A causa di una caduta da un destriero, Brady ha subito un intervento alla testa, che ha richiesto l'inserimento di una placca di metallo. Tornato a casa nella riserva indiana di Pine Ridge, deve affrontare le terribili conseguenze dell'incidente e il trauma di non poter più gareggiare nei rodei. Questa nuova difficoltà si va ad aggiungere a quelle già presenti in famiglia: sua sorella minore Lilly (Lilly Jandreau) è autistica e il padre è ossessionato dal gioco d'azzardo. Il suo unico punto di riferimento è l'amico Lane (Lane Scott), in riabilitazione intensiva e costretto a ricevere cure h24 dopo un incidente simile a quello di Brady.
Ma un cowboy non può stare a lungo lontano dai suoi cavalli e Brady è determinato a ritornare in sella il prima possibile, nonostante sappia che il rodeo lo esporrebbe a grandi rischi e una seconda caduta potrebbe comportare lesioni con conseguenze gravissime. Brady si ritroverà quindi di fronte a un bivio: dedicarsi alla guarigione e alla sua famiglia o rischiare tu
C’è un momento intimo, in cui ogni sera il cavallo e il suo rider si ritrovano per una spazzolata che sa di coccola, a concludere le cavalcate della giornata, appena dopo il tramonto, quando la luce che si allunga sulle sterminate pianure è virata al blu. Permetteteci di lasciare in originale il termine, rider, con cui in certe parti d’America si definisce qualcosa in più di un cavallerizzo, visto il rapporto simbiotico che porta a sincronizzare perfino il respiro, fra un cavallo selvaggio e chi l’ha cavalcato per la prima volta. A maggior ragione per come si vedono le cose nella riserva indiana del Sud Dakota in cui è ambientato il secondo film della cinese più amata dall’indie americano: Chloé  Zhao. Il giovane cowboy Brady, asso del rodeo e idolo dei bambini locali che sognano di domare un cavallo, lo conosciamo quando è già disarcionato, ferito alla testa, con una placca di ferro che porta con sé una sentenza che non vuole accettare: fine della carriera.
The Rider ci pone di fronte al momento in cui un sogno americano si spezza. Come altre volte per uno sportivo, magari una grande promessa del football che si gioca la carriera con un infortunio grave al ginocchio, qui Brady smarrisce il suo posto nella società in cui vive. Una rielaborazione dell’immaginario western in chiave contemporanea, in cui i valori tutti maschili di amicizia virile e affermazione della propria mascolinità sono ancora al centro di un mondo in crisi, in cui le fragilità sempre più intaccano un’apparenza immutabile.
Brady è come un cavallo ferito in una trappola, “solo che sono un uomo e devo sopravvivere, non vengo abbattuto”, come dice alla sorella, malata della sindrome di Asperger. Proprio la sua situazione, come quella del padre col vizio del gioco, sembrano spingerlo per un’accettazione della sua condizione di ex atleta. Come riuscire a superare i suoi sogni, perdere la sua identità per rimettersi in gioco, aumentando il trauma dell’incidente, psicologico oltre che fisico? Ogni rodeo può essere l’ultimo, come Brady sa bene. Ci vuole incoscienza a scegliersi una carriera così, ma fa parte del fascino di chi “vive la propria vita 8 secondi alla volta”. A loro Chloé Zhao dedica il suo film, mentre a Brady noi spettatori ci affezioniamo sempre di più. Dietro alla maschera dura si nasconde un giovane premuroso e pieno di amore per il suo “fratello maggiore” Lane, grande specialista del rodeo in riabilitazione dopo una cavalcata meno fortunata.
Il film è interpretato da Brady stesso, racconta la sua storia che ha subito colpito la Zhao, insieme alla sua famiglia e ai suoi amici della riserva di Pine Ridge. Tutti attori non professionisti per un piccolo gioiello che seduce per l’umanità di una toccante parabola sulla difficoltà di un mondo antico come quello dei cowboy nel sopravvivere oggi. Un mondo in cui le sfumature sostituiscono le certezze granitiche, delineando un ritratto ruvido, onesto e struggente di uno dei tanti angoli nascosti dell’America, uno di quelli in cui il suo immaginario è nato e si è sviluppato.

© 1987-2020 METTI UNA SERA AL CINEMA CGS DON BOSCO Codice Fiscale 93010840036
Torna ai contenuti